Archivi tag: buon senso

Otto megapix

Di solito quando sono da solo da qualche parte (coda, ristorante, aspetto, ecc…) mi piace ascoltare e guardare la gente per osservare come si “comporta”.

Mentre ero in attesa del dolce, in un piccolo ristorante di provincia, sento all’improvviso questa frase: “no, perché sai, questo qui ha otto megapix”.
Il tizio neanche sapeva cosa avesse appena detto, ma il suo cellulare nuovo, a quanto pare, ha ben otto megapix!!!

Ora io mi chiedo perché la gente si affanna così tanto a comprare l’ultimo modello di qualsiasi cosa, quando quello vecchio basta ed avanza?

Devi necessariamente avere il cellulare che fa foto “S P E T T A CO L A R I”?
Tanto le rivedrai una sola volta sul cesso e le dimenticherai quando perderai/formatterai/romperai/cambierai il cellulare…

Molte volte “i grandi” mi chiedono consigli su l’acquisto di un nuovo PC;
io semplicemente gli faccio notare che senza “arrovellarsi” il cervello, potrebbero andare in un qualsiasi centro commerciale o negozio di elettronica e comprare uno di quelli meno costosi.
Spesso mi dicono che se spendono poco il computer sarà lento.
Lento per cosa?
Navigare?
Guardare la posta?
Scrivere un documento?
Giocare ai giochini?

Ovviamente non rispondo in questi termini, ma gli faccio capire che i soldi vanno spesi in base alle esigenze.
Se ad esempio il PC deve essere usato dal figlio per giocare il discorso cambia un po’.

Le smart TV da “millemila” pollici.
A cosa ti serve la megaTV di ultima generazione se poi la userai al massimo per vedere i video idioti su youtube?

Spendi “quanto basta”, non intestardirti per avere l’ultimo modello che costa cinque volte tanto e non ti serve a niente.

Io?
Per adesso ho un cellulare, usato, di tre anni fa che va ancora benissimo e non ho intenzione di cambiare, un computer che ho assemblato tre anni fa che va ancora benissimo e non ho intenzione di cambiare.

Spegnere la luce

A casa credo che lo facciate tutti, non lascereste mai la luce accesa giorno e notte, è uno spreco inutile.
Allora perché quando la gente è da qualsiasi altra parte non ci pensa, se ne dimentica?

Per lavoro giro spesso negli enti pubblici, e sistematicamente, che sia giorno o sera ci sono sempre luci inutili accese.
Bagni, uffici, corridoi…

Perché?
Cosa costa premere uno stramaledettissimo interruttore?

Ci guadagneremmo in soldi e salute, dato che la stragrande maggioranza dell’energia viene prodotta con risorse altamente inquinanti.

Lo so che non servirebbe a niente, ma se lo facesse un intero comune per tutti i suoi uffici pubblici, il risparmio si inizierebbe a sentire.
Se poi la cosa si estendesse alla regione? Nazione? Continente?

Ma è un discorso utopistico, campato in aria, impossibile da realizzare;
è come dire di non buttare le carte per terra, tutti sanno che non va bene ma, almeno qui in italia, la maggior parte della gente “se ne sbatte”.

Secondo me abbiamo passato la linea del non ritorno, ormai siamo destinati ad estinguerci tragicamente…

I borsoni nello spogliatoio

Tra i miei passatempi c’è la kick boxing, praticata a livello amatoriale e non agonistico.
Vado in palestra per tenermi in forma ed evitare di ingrassare esponenzialmente, dato che sono un “accanito consumatore di cibo”.

Vengo subito al punto: una delle cose che odio di più nella vita è la gente che lascia i propri borsoni sulle panche dello spogliatoio e va a fare esercizio.

Come è possibile che questi “orfani neuronali” (per usare un’espressione di Crozza) non capiscano che così facendo occupano inutilmente mezzo spogliatoio?
Proprio sopra le loro testoline vuote ci sono i ripiani montati proprio per questo scopo: poggiarci i borsoni per non occupare le panche…

Perché le persone sono così menefreghiste?

E’ semplice: arrivi nello spogliatoio, ti cambi, e poggi il borsone dove non da fastidio, per evitare di occupare inutilmente lo spazio che serve a tutti!

Eppure nella palestra che frequento non ci sono tipi “grezzi” o arroganti, non è una di quelle palestre dove puoi trovare di tutto, anzi siamo tutti abbastanza tranquilli.

Magari uno non ci pensa, non lo fa apposta…
E invece no, perché c’è chi appende l’accappatoio, in anticipo, agli attaccapanni delle docce, occupando anche quegli spazi che servono a chi si vorrebbe lavare in quel momento.

Possibile che siamo un popolo senza un minimo di buon senso?