Archivi categoria: Italiani

I pedoni possono votare

Stavo guidando, più precisamente stavo girando all’interno di una rotonda.
Ad un certo punto vedo un tipo che senza guardare ne a destra ne a sinistra attraversa la rotonda in diagonale, fregandosene altamente delle macchine.

Parlava tranquillamente al cellulare, fumandosi una sigaretta, tatuaggio sul braccio e pancia da bevitore; uno di quei tipi che se provavi a suonare per avvertirlo che era d’intralcio, rischiavi di essere buttato giù dalla macchina e picchiato.

Un articolo pubblicato poche settimane fa sul Washington Post dal giornalista David Harsanyi, descrive come il voto sia uno strumento in mano a tutti, anche gente altamente ignorante.

Quest’articolo nasce “strizzando l’occhio” alle prossime elezioni negli Stati Uniti, dove a concorrere per la poltrona da presidente c’è Donald Trump;
penso sia inutile stare qui a scrivere chi sia e perché venga collegato ai voti della popolazione ignorante.

L’articolo mette in discussione il fatto che ci sia il suffragio universale, e magari per accedere al voto non basti la maggiore età, ma anche un piccolo esame di educazione civica, con delle domande del tipo:

  • Se il presidente e il vice presidente non possono più rimanere in carica, chi diventa presidente?
  • Cita tre dei tredici stati originari degli Stati Uniti.
  • Cita un diritto o una libertà sancita dal Primo Emendamento.
  • Cos’è la libertà di culto?

Cito un pezzo dell’articolo in lingua originale:

When Newsweek asked a thousand voters to take the official citizenship test a few years back, nearly 30 percent couldn’t name the vice president. More than 60 percent did not know the length of U.S. senators’ terms in office. And 43 percent couldn’t say that the first 10 amendments to the Constitution are known as the Bill of Rights.

Only 30 percent knew that the U.S. Constitution is the supreme law of the land.

Qui parla di un indagine condotta dal sito Newsweek qualche anno fa su un campione di circa mille elettori:

  • Circa il 30% non ha saputo dire chi fosse il vicepresidente.
  • Più del 60% quanto durasse la carica da senatore.
  • Il 43% non sapeva dire i primi 10 emendamenti della costituzione chiamati anche “Dichiarazione dei Diritti”.
  • Solo il 30% sapeva che al costituzione degli Stati Uniti era la suprema legge di stato.

Sono sincero, neanche io saprei rispondere correttamente a queste domande (riguardanti lo stato italiano naturalmente).

Questo discorso mi si potrebbe ritorcere contro, perché io stesso, secondo qualcuno più “colto” di me, potrei essere troppo ignorante per esercitare il voto;
ma possibile che il voto di gente come quella descritta in alto, abbia la stessa rilevanza del mio voto?

Spegnere la luce

A casa credo che lo facciate tutti, non lascereste mai la luce accesa giorno e notte, è uno spreco inutile.
Allora perché quando la gente è da qualsiasi altra parte non ci pensa, se ne dimentica?

Per lavoro giro spesso negli enti pubblici, e sistematicamente, che sia giorno o sera ci sono sempre luci inutili accese.
Bagni, uffici, corridoi…

Perché?
Cosa costa premere uno stramaledettissimo interruttore?

Ci guadagneremmo in soldi e salute, dato che la stragrande maggioranza dell’energia viene prodotta con risorse altamente inquinanti.

Lo so che non servirebbe a niente, ma se lo facesse un intero comune per tutti i suoi uffici pubblici, il risparmio si inizierebbe a sentire.
Se poi la cosa si estendesse alla regione? Nazione? Continente?

Ma è un discorso utopistico, campato in aria, impossibile da realizzare;
è come dire di non buttare le carte per terra, tutti sanno che non va bene ma, almeno qui in italia, la maggior parte della gente “se ne sbatte”.

Secondo me abbiamo passato la linea del non ritorno, ormai siamo destinati ad estinguerci tragicamente…

I borsoni nello spogliatoio

Tra i miei passatempi c’è la kick boxing, praticata a livello amatoriale e non agonistico.
Vado in palestra per tenermi in forma ed evitare di ingrassare esponenzialmente, dato che sono un “accanito consumatore di cibo”.

Vengo subito al punto: una delle cose che odio di più nella vita è la gente che lascia i propri borsoni sulle panche dello spogliatoio e va a fare esercizio.

Come è possibile che questi “orfani neuronali” (per usare un’espressione di Crozza) non capiscano che così facendo occupano inutilmente mezzo spogliatoio?
Proprio sopra le loro testoline vuote ci sono i ripiani montati proprio per questo scopo: poggiarci i borsoni per non occupare le panche…

Perché le persone sono così menefreghiste?

E’ semplice: arrivi nello spogliatoio, ti cambi, e poggi il borsone dove non da fastidio, per evitare di occupare inutilmente lo spazio che serve a tutti!

Eppure nella palestra che frequento non ci sono tipi “grezzi” o arroganti, non è una di quelle palestre dove puoi trovare di tutto, anzi siamo tutti abbastanza tranquilli.

Magari uno non ci pensa, non lo fa apposta…
E invece no, perché c’è chi appende l’accappatoio, in anticipo, agli attaccapanni delle docce, occupando anche quegli spazi che servono a chi si vorrebbe lavare in quel momento.

Possibile che siamo un popolo senza un minimo di buon senso?